Intervento laser a femtosecondi per cataratta

Oggi è possibile rimuovere la cataratta grazie ad uno speciale laser “a femtosecondi”. Vediamo allora quando e come si utilizza.

La cataratta si rimuove sostituendo il cristallino naturale con un cristallino artificiale. L’intervento si svolge in anestesia topica, cioè mettendo solo poche gocce di anestetico nell’occhio.

Vediamo come si rimuove

Con il laser a femtosecondi per la cataratta viene realizzata una piccola incisione ed il cristallino viene frantumato in piccoli pezzi.

Il chirurgo con un piccolo aspiratore ad ultrasuoni detto “faco” rimuove il cristallino opaco lasciando intatto il sacco in cui esso riposa.
La tecnica di rimozione è comunemente detta “facoemulsificazione”.

Successivamente viene inserito nel sacco un cristallino artificiale che rimarrà nell’occhio senza dare problemi per tutta la vita.

Tipo di cristallino

Il paziente potrà scegliere che tipo di visione ottenere con la consulenza del suo medico, vi sono infatti svariati tipi di cristallini artificiali tra cui scegliere.

Vantaggi del laser

Il laser a femtosecondi per la cataratta porta alcuni vantaggi:

  • Maggior precisione nella realizzazione delle incisioni per il chirurgo
  • Migliore chiusura della incisioni, non sono necessari punti di sutura
  • Frammentazione del cristallino artificiale a mezzo laser, ovvero meno manovre per il chirurgo dentro l’occhio
  • Maggior facilità nell’apertura del sacco (ressi) in cui è posto il cristallino opaco
  • Intervento senza l’uso di bisturi taglienti

Femtosecondi

Il “femtosecondo” è un’unità di misura di tempo e vale circa un milionesimo di miliardesimo di secondo. Per fare 1 secondo ci vogliono 1.000.000.000.000.000 femtosecondi. Questo valore rappresenta l’intensità del laser e quindi la sua precisione.

Attualmente i laser a femtosecondi sono l’ultima generazione dei laser per la medicina e la chimica.